Gian Paolo Dessolis.com


Vai ai contenuti

Menu principale:


Matrimoni

Visiona il video diviso nelle 3 parti


Parte Prima Le case

Parte Seconda
La cerimonia

Parte Terza
Gli esterni




AREA RISERVATA:





La fotografia matrimoniale è forse la più stressante delle varie forme di fotografia. I fotografi professionisti più esperti sanno bene che la pressione, le esigenze e le aspettative del cliente, la responsabilità di offrire un buon servizio, possono essere affrontate solo con un presupposto: una preparazione meticolosa.


Dall'altra parte dobbiamo riconoscere che le soddisfazioni, anche economiche, non mancano a fronte di un lavoro ben fatto. Se pensi di intraprendere questa attività a livello professionale devi tenere ben presente che:

Non hai una seconda possibilità. Tutto deve essere meticolosamente programmato, anche l'imprevedibile. Se qualcosa va storto, non puoi far ripetere la cerimonia.

Gli sposi si fidano di te. Per la verità, le famiglie e gli amici si fidano di te, e sono ben disposti a seguire le tue indicazioni, quindi non puoi deluderli.

Devi essere preparato. Devi conoscere in anticipo la chiesa o i locali dove si terrà la cerimonia, i tragitti, le località, il ristorante, e decidere quali sono i migliori punti di ripresa. Devi conoscere i nomi degli sposi, dei testimoni e dei famigliari.

Devi predisporre l'equipaggiamento. Oltre alla fotocamera principale devi avere una o più camere di riserva, batterie tutte a piena carica, alcune schede di memoria o un sistema esterno per conservare i file digitali. E poi lampade, flash, cavalletto, e possibilmente un aiutante.
Tutto ciò non deve scoraggiare. Al contrario, questi sono suggerimenti che dovrebbero incoraggiare il fotografo dilettante a intraprendere una nuova attività. E' importante conoscere in dettaglio i vari aspetti della fotografia matrimoniale e non prendere decisioni affrettate.

Fiducia e affidabilità

Gli sposi che ti affidano l'incarico di fotografo ufficiale del loro matrimonio ripongono in te la loro completa fiducia. In quel giorno loro avranno per la testa mille cose ma, credimi, il fotografo sarà l'ultimo della lista. Le tue foto saranno esposte sul tavolo del loro soggiorno per molti anni, a ricordo di momenti di felicità (per loro) e di un lavoro ben fatto (per te).E non solo gli sposi, capita sempre più spesso di avere richieste di un album o un DVD da parte delle due famiglie, o anche di qualche invitato. Certo, oggi molti invitati si portano le loro foto/videocamere, ma in ultima istanza sei tu che hai l'incarico ufficiale di riprendere l'evento, e tu che sei pagato per farlo.Un matrimonio costa molto, ed un album di fotografie con allegato CD/DVD costa anche molti soldi. Il cliente paga per avere un servizio professionale, e questo è quanto si aspetta di avere. Intendiamoci, non sarà necessario produrre risultati da oscar della fotografia, con il termine "professionale" intendo educato, cortese, efficiente, e soprattutto presente e pronto al momento giusto.

Sei pronto?

Gli sposi hanno avuto probabilmente un anno per prepararsi per il "giorno più bello della loro vita", tu molto meno. Essere pronto per ogni evenienza è la
priorità numero uno. Sarebbe imbarazzante chiamare gli sposi con il nome sbagliato o arrivare in ritardo perché non conosci bene la strada. Cerca di sapere quanti sono gli invitati, visita in anticipo la chiesa, fatti spiegare dove saranno gli sposi, fai uno schema dei punti dove posizionare le luci e dei punti migliori per le riprese. Dopo la cerimonia e le foto di rito (tutti insieme, sposi-genitori, sposi-testimoni, sposi-amici ecc...), gli sposi si recheranno in luoghi particolari per altre foto? Devi conoscere in dettaglio gli spostamenti, percorrere i tragitti per sapere i tempi di percorrenza in modo da essere sul posto prima dell'arrivo degli sposi.Idealmente dovresti partire avendo già "in testa" almeno le principali fotografie da scattare, quelle che non possono mancare in un album che si rispetti. Le altre, quelle da prendere al volo, le istantanee più gustose e divertenti, vanno catturate senza pensarci troppo.

'attrezzatura minima

I fotografi amano ripetere che non è la fotocamera che fa le belle foto, ma il fotografo. Si può anche concordare fino ad un certo punto, ma certamente non è pensabile di presentarsi ad un matrimonio armati solo di una compattina!
Una fotocamera reflex digitale da 8 megapixel è il minimo per cominciare, tenendo conto che si dovranno produrre anche stampe di grande formato.
Le ottiche dovranno andare da un untra-wide ad un medio teleobiettivo, possibilmente con apertura di almeno F2.8.
Il flash deve essere abbastanza potente da coprire medie distanze e preferibilmente del tipo TTL (le regolazioni del lampo sono comandate dalla camera).
Un cavalletto stabile e facile da spostare con sistema rapido di sgancio/aggancio.
Devi conoscere la tua attrezzatura alla perfezione. Devi capire come funziona e saper effettuare regolazioni istantaneamente per affrontare ogni possibile circostanza. Per ogni evenienza è indispensabile almeno una camera di riserva, e sembra banale ricordarlo, batterie (cariche) e schede di memoria (vuote).

Lista delle cose da fare

I preparativi

Se possibile, cerca di essere a casa della sposa per riprendere i preparativi. Troverai una specie di pandemonio, ma non devi lasciarti impressionare. Mettiti in un angolo, cerca di renderti invisibile e fai alcuni scatti della sposa con la mamma commossa, con il papà che tenta di nascondere le lacrime, con le amiche che l'aiutano, con le damigelle, le scarpe, il bouquet, il velo, gli addobbi ecc. E poi di corsa a casa dello sposo dove la situazione è apparentemente più rilassata. Fotografa lo sposo che indossa il vestito da cerimonia, il nodo alla cravatta davanti allo specchio, la mamma commossa, il papà orgoglioso, gli amici che arrivano alla spicciolata, l'atmosfera più o meno goliardica.

la cerimonia

Prima di tutto muoviti in silenzio, non attirare l'attenzione su di te. Dovresti già aver posizionato il cavalletto nel posto opportuno, nell'area del coro o in altra posizione elevata, da dove sia possibile riprendere gli sposi, ma anche l'intera assemblea dietro la coppia. Usa il flash solo se consentito e comunque con moderazione. E' un matrimonio, non uno spettacolo pirotecnico. Predisponi la camera a alti valori ISO in modo da potere scattare con la camera in mano senza preoccuparti del mosso.

Dopo la cerimonia

Se nelle fasi precedenti hai cercato di agire quasi di nascosto, questo è il momento di essere più visibile, di guidare gli eventi con una certa fermezza. Gli sposi saranno sommersi dagli ospiti ed inondati dai flash. Lasciali fare per qualche minuto, ma poi devi prendere in mano la situazione. Ricorda che sei pagato per questo, il tuo lavoro richiede anche di organizzare le cose. Se necessario chiedi l'aiuto di un parente per radunare gli invitati per le foto di gruppo.Libero uso del flash ora, specialmente nelle giornate di sole, per attenuare le ombre.Statisticamente quando si riprendono gruppi numerosi, un certo numero di persone risultano con gli occhi chiusi o girati all'indietro ecc. Per questo motivo ricorda sempre di scattare in sequenze di tre-quattro foto per volta, sperando che almeno in una tutti i presenti guardino in camera. Ora è il momento dei ritratti a piccoli gruppi, i due sposi con le rispettive famiglie, con i testimoni, con amici o colleghi. Se gli sposi vogliono recarsi in un particolare luogo per altre foto, è il momento di raccattare armi e bagagli e correre per raggiungerlo in tempo per predisporre l'attrezzatura.

Un posto speciale per le foto ricordo

Dopo la cerimonia e le foto di gruppo, gli ospiti pensano solo a due cose: mangiare e bere. Mentre loro si dirigono verso il ristorante tu hai tutto il tempo per organizzare le riprese in pace, senza pressioni e richieste strane. Ora puoi chiedere agli sposi di mettersi in un posto ben illuminato, e di assumere le pose canoniche. Questo è il momento di dimostrare le tue capacità, qui devi produrre ritratti come se fossi nel tuo studio.Ma è anche il momento dimostrare la tua creatività, di sbizzarrirti in pose inconsuete o di ricercare uno sfondo particolare, e scattare fino ad avere i crampi al dito indice. Ricorda che un buon album è solo una piccola selezione fra molte centinaia di fotografie scattate in libertà. Naturalmente hai visitato il posto in precedenza alla stessa ora del giorno, perciò sai già quali sono i punti strategici. Anche durante il tragitto verso il ristorante cerca di localizzare punti di interesse come un giardino, uno stagno con le papere, rovine antiche, una spiaggia. Gli sposi accetteranno di buon grado di fermarsi mentre gli invitati in attesa saccheggiano il buffet.

torta nuziale

OK, a questo punto puoi cominciare a rilassarti un poco e concederti un drink. Se non sei stato invitato al pranzo esegui alcuni scatti al dolce e poi per te il lavoro è finito. Se invece ti hanno chiesto di restare approfittane per fare alcuni scatti "rubati" agli ospiti, mettendoti negli angoli ed usando una focale medio-lunga. Altri scatti d'obbligo sono il taglio della torta nuziale, i brindisi, i discorsi e le danze. E' tutto, il tuo lavoro finisce qui. O forse no, forse potresti allestire un piccolo studio fotografico di fortuna in una saletta accanto, con luci e tutto il resto, ed eseguire dei veri ritratti per gli invitati che richiedessero questo servizio. Potrebbe essere un modo semplice per guadagnare qualche euro extra. Considera anche la possibilità di produrre uno slide-show da masterizzare su DVD. Oggi molti preferiscono portarsi a casa un dischetto da vedere in TV piuttosto che un album pesante, ingombrante e costoso, e destinato a rimanere sepolto in un cassetto
.
E poi...

Una volta preso confidenza con il lavoro e raggiunto un buon grado di sicurezza, divertiti e goditi questa nuova esperienza. Talvolta potrebbe anche succedere che qualche invitato ti consideri invadente. Questo fa parte del lavoro, sii sempre garbato, chiedi scusa e prosegui. Dopo tutto è una festa, e fare il guastafeste è l'ultima cosa che vuoi.


D:\Sito gpdessolis.com\progetto 21-01-2011\ObjVideo\Scorpions - Wind Of Change (1991).mp3
Error 53: File not found




JEIDES fotografia professionale - di Gian Paolo Dessolis.

È un compito difficile il nostro:
fermare il tempo, guardarlo scorrere da dietro un obbiettivo e racchiuderlo in una immagine.
Ogni volta che riusciamo ad emozionarvi sappiamo che ci siamo riusciti.
Usiamo la luce per tracciare il profilo della vostra personalità.

ALBUM VIRTUALE
Servizio fotografico senza limite di scatti.
+ Provini su CD Rom
+ Album fotografico virtuale su DVD visionabile in televisione
+ DVD rom con tutti gli scatti selezionati in alta definizione adatti ad ogni tipo di formato per la stampa

Extra
Provini stampati su carta


Servizio Base
Servizio fotografico senza limite di scatti
+ Provini stampati su carta
+ Provini su CD Rom
+ 70 stampe formati da 24x30 a 13x18 in composizione creativa
+ Album in finto cuoio (compreso)
+ Album fotografico virtuale su DVD visionabile in televisione in omaggio


Servizio Medio
Servizio fotografico senza limite di scatti
+ Provini stampati su carta
+ Provini su CD Rom
+ 70 Stampe (80-90 immagini) formato 25x35 in composizione creativa
+ Album in cuoio (compreso)
+ Album fotografico virtuale su DVD visionabile in televisione in omaggio
+ N°1 poster formato 50x70


ALBUM LIBRO Digitale
Servizio fotografico senza limite di scatti
+ Provini stampati su carta
+ Provini su CD Rom
+ Foto album digitale fino a 70 pagine (80-90 immagini) formato 24x30 cm chiuso
+ Copertina personalizzata
+ Album fotografico virtuale su DVD visionabile in televisione in omaggio
+ N°1 poster formato 50x70


OPZIONI
Album genitori - formato 15x20 la coppia.
Pagine extra su album digitale € 20,oo
Poster 50x70
Copia DVD personalizzata
Listino Foto Matrimoniali 2008 - 2009

Home Page | News | Fotografia BW e color | Nozioni tecniche | Lo Studio | Composizioni | Modelle | Book fotografici modelle | Matrimoni | Grafica | Ricostruzioni | Produzioni Video | videoarte | Mostre ed Eventi | area riservata | Pubblicazioni | Chi sono | Link | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu